da non perdere
Incontri & Corsi: con ragazzi & adulti

Racconto: Anno 2020, un giorno di ordinario lavoro

Ferrovia TRANSIBERIANA: ai confini del mondo

SETTE: Australia nelle terre remote

Castelli: Contesse e fantasmi nei Castelli delle Donne

Sudafrica: cent'anni di Mandela

Deserti: Tra sabbie infuocate e notti stellate

Viaggi: Oman, sulla via delle spezie

Australia: luci e canguri

Viaggi: Passaggio in India

TSUKIJI ADDIO: Tokyo fish market

CENT'ANNI DI LEICA in 100 scatti

EXPO Viaggi: Italia chiama Mondo

PANGEA: 50 mila chilometri su e giù per il mondo

NEW ZEALAND: tra Maori e Hobbit

THAILANDIA: passaggio a Bangkok

LANGHE: sua Maestà il Tartufo

SANTUARI: i cammini del silenzio

VALSUGANA: grandi emozioni

RAJASTAN: il tempio dei topi

SUD AUSTRALIA: l'isola darwiniana

GRECIA: un orologio di 2000 anni

ALBA: caccia ai diamanti bianchi

KERALA: la medicina ayurvedica

JAIPUR: l'orologio di stelle e pietre

iCub: cuccioli di robot crescono

JAPPONE: Gran Seiko

Leonardo Chiariglione: papà Mp3

BANGALORE: la tecno India

AUSTRALIA: la fuga dei laureati

MATURITA': amarcord '68

L'Homo Zappiens di Mr.Veen

POLO NORD: turismo over the top

TOKYO: le Urban Tribù

REDMOND: gli italiani di Mr.Gates

ZOT: segni del tempo

INDIA: Ayurveda Land

Fotografie cifrate

Derrick de Kerckhove

Il computer del 2020

Cellular-satellitari

San PIETROBURGO: vita da Zar

VIRGINIA: il covo dei cyberpoliziotti

Attento! Il cellulare ti spia

COREA: la Glass Valley

SORDEVOLO: la Passione

Memorie digitali. Sono eterne?

Richard Stallman

JAPPONE: gli Lcd di Sharp

LIBIA: viaggio nel Sahara

Internet & minori: incontro Bartolomeo Garelli
maggio 2015 ↓ scarica pdf archivio >>

Incontro 7 maggio 2015-Oratorio Benedetto XVI-Buccinasco

Nel file Pdf tutte le slide dell'incontro

Il primo cellulare arriva sempre prima nelle mani dei nostri figli a 11-13 anni. Ormai entro la fine delle Medie. Tra i nati tra il 2002 e il 2004 la percentuale di chi possiede uno smartphone è del 95%. Non solo.

Gli stessi genitori che lo regalano ai figli confessano poi di non riuscire a tenerli sotto controllo. Sia per mancanza di competenze digitali, sia per non interferire con la loro privacy. Un genitore su cinque afferma di essere del tutto all’oscuro di quello che fanno online e non li controlla mai.

Le ragazze sono più soggette a messaggi e immagini indesiderate da parte degli adulti. Invece i ragazzi si sentono più esposti a chi mette in atto comportamenti illegali.

Nella fascia 11- 13 anni, vorrebbero più protezione contro adulti malintenzionati, mentre quelli tra 14 e 16 chiedono di essere aiutati contro le “prese in giro” dei coetanei. Quest’ultima si conferma la fascia più esposta al cyberbullismo

Nel file Pdf tutte le slide dell'incontro

twitter @utorelli








Links