da non perdere
Incontri & Corsi: con ragazzi & adulti

Racconto: Anno 2020, un giorno di ordinario lavoro

Ferrovia TRANSIBERIANA: ai confini del mondo

SETTE: Australia nelle terre remote

Castelli: Contesse e fantasmi nei Castelli delle Donne

Sudafrica: cent'anni di Mandela

Deserti: Tra sabbie infuocate e notti stellate

Viaggi: Oman, sulla via delle spezie

Australia: luci e canguri

Viaggi: Passaggio in India

TSUKIJI ADDIO: Tokyo fish market

CENT'ANNI DI LEICA in 100 scatti

EXPO Viaggi: Italia chiama Mondo

PANGEA: 50 mila chilometri su e giù per il mondo

NEW ZEALAND: tra Maori e Hobbit

THAILANDIA: passaggio a Bangkok

LANGHE: sua Maestà il Tartufo

SANTUARI: i cammini del silenzio

VALSUGANA: grandi emozioni

RAJASTAN: il tempio dei topi

SUD AUSTRALIA: l'isola darwiniana

GRECIA: un orologio di 2000 anni

ALBA: caccia ai diamanti bianchi

KERALA: la medicina ayurvedica

JAIPUR: l'orologio di stelle e pietre

iCub: cuccioli di robot crescono

JAPPONE: Gran Seiko

Leonardo Chiariglione: papà Mp3

BANGALORE: la tecno India

AUSTRALIA: la fuga dei laureati

MATURITA': amarcord '68

L'Homo Zappiens di Mr.Veen

POLO NORD: turismo over the top

TOKYO: le Urban Tribù

REDMOND: gli italiani di Mr.Gates

ZOT: segni del tempo

INDIA: Ayurveda Land

Fotografie cifrate

Derrick de Kerckhove

Il computer del 2020

Cellular-satellitari

San PIETROBURGO: vita da Zar

VIRGINIA: il covo dei cyberpoliziotti

Attento! Il cellulare ti spia

COREA: la Glass Valley

SORDEVOLO: la Passione

Memorie digitali. Sono eterne?

Richard Stallman

JAPPONE: gli Lcd di Sharp

LIBIA: viaggio nel Sahara

Fotovoltaico: arriva il fai da te
giugno 2013 ↓ scarica pdf archivio >>

SPECIALE ENERGIA - CORRIERE DELLA SERA - 5 giugno 2013

Ora zero per gli impianti fotovoltaici “fai da te”. Sono infatti in arrivo le prime soluzioni per installare nella propria abitazione, un sistema a energia solare con potenza massima di 1 KiloWatt. Senza lungaggini burocratiche né certificazioni tecniche, perché considerati dalla Legge come ”impianti passivi”. Si acquistano online e sono venduti in un kit che arriva direttamente a casa. Basta aprire lo scatolone con dentro il pannello (170x100 centimetri). E fissarlo poi sulla ringhiera del balcone, su una mensola in giardino o sulla terrazza.

Alla fine si collega il cavo dell’elettronica di controllo, il cosiddetto micro-inverter, alla presa di corrente più vicina. Così, con una semplice operazione di bricolage, il gioco è fatto. E in un’ora di lavoro potete usare, l’energia pulita del sole. Gratis. La soluzione si chiama MySun e arriva da Pv Solar di Fano. Basta scegliere online la potenza desiderata (da 250 Watt a 1 KWatt) e nel giro di pochi giorni, come per ogni prodotto di e.commerce, il pacco viene recapitato a domicilio.

Prima di installarlo va chiesta gestore energetico l’autorizzazione per la connessione in rete. A cui seguirà l’installazione di un contatore domestico bidirezionale. Una procedura semplice, nulla di complesso come invece accade per gli impianti da 3 KiloWatt in su. «Una soluzione che consente alle famiglie di attingere all’energia solare senza complicazioni tecniche e burocratiche – spiega il presidente Luca Mazzanti – soprattutto evitando i costi e i problemi di certificazione degli impianti fotovoltaici». Il kit “fai da te” presentato alla Fiera di Firenze “Terra Futura”, ha subito riscosso l’interesse dei visitatori. Così da fine maggio sono iniziate le vendite online dal sito www.mysun-shop.com al prezzo di 500 euro per kit (da 250 Watt). Teniamo conto che 1 Kilowatt di energia è sufficiente per alimentare luci, frigorifero, computer e piccoli elettrodomestici di casa.

Il merito della nuova soluzione per impianti fotovoltaici, va anche alla tecnologia dei cosiddetti micro-inverter di Enphase, montati in ogni kit e garantiti 20 anni. Un’azienda della Silicon Valley californiana specializzata in dispositivi elettronici di alta efficienza. La novità? Questo dispositivo di controllo converte direttamente la corrente continua delle celle fotovoltaiche, in corrente alternata domestica a 220 volt. Un’idea vincente perché migliorano compattezza in termini di dimensioni e peso, riducendo i costi. Ma che cosa succede nel caso non si consumi tutta l’energia prodotta? «Il sistema elettronico la convoglia in rete a disposizione del gestore – spiega ancora Mazzanti – senza però riconoscere contributi economici all’utente».

Ma i vantaggi sono molteplici. In primis la modularità, perché si può iniziare con un paio di kit e acquistare gli altri in seguito. Poi, trattandosi di installazioni mobili, basta svitare il pannello dalle staffe e se necessario spostarlo di posizione secondo le stagioni, per catturare le migliori condizione dei raggi solari. Di fatto MySun è progettato come fosse un comune elettrodomestico.

twitter @utorelli








Links